numero verde automatiking

Personal Branding su Facebook: ecco 10 ADS per farlo!

Ecco le 10 ads che tutti i professionisti dovrebbero conoscere (e usare) per creare il proprio Personal Brand e far crescere il business utilizzando Facebook.
👉 Di Alessia Spadaccini

Personal Branding su Facebook: ecco 10 ADS per farlo!

Ecco le 10 ads che tutti i professionisti dovrebbero conoscere (e usare) per creare il proprio Personal Brand e far crescere il business utilizzando Facebook.
👉 Di Alessia Spadaccini

Personal Branding su Facebook: perché è importante?

I social media sono uno strumento estremamente potente per chiunque sia interessato a raggiungere il proprio pubblico e a costruire il proprio personal branding e Facebook non è da meno. 

Ebbene sì, Facebook e gli altri canali non si limitano a farti interagire con parenti, amici e colleghi. Con le giuste strategie di advertising puoi farti conoscere anche da futuri lead e, perché no, da clienti per il tuo brand personale.  

Prima di procedere con l’elenco delle 10 ads per fare Personal Branding su Facebook è necessario che tu tenga a mente 3 punti fondamentali:

  • gli annunci di Facebook non funzionano con i profili personali. Avrai quindi bisogno di una pagina aziendale di Facebook dove presenterai la tua attività professionale evidenziando i tuoi punti di forza come business e come persona. Avrai anche necessità di un account pubblicitario tramite cui investire il tuo budget;
  • Facebook è un luogo in cui le persone fruiscono di contenuti di loro interesse e dove le ads vanno ad agire su bisogni latenti. È quindi buona regola produrre contenuti di valore con costanza per il proprio pubblico, documentando le proprie attività, gli aggiornamenti di settore, i propri lavori e traguardi e integrandoli bene nel feed;
  • avere un sito web per il proprio personal brand è un plus ma non un must: sarebbe meglio portare traffico verso asset di proprietà (come ad esempio il sito, appunto) ma non è l’unica opzione possibile con Facebook Ads.

Se vuoi approfondire le differenze tra un profilo privato e uno aziendale in una strategia di marketing per il tuo business, Stefano, nel video seguente, ti racconta 7 differenze di cui tenere conto. ⬇️

Ma tu sei qui per conoscere in che modo gli esperti delle sponsorizzate su Facebook utilizzano gli annunci per potenziare la crescita dei personal brand (e non solo), vero?

Bene, lo scoprirai leggendo questo articolo, dove non parlerò solo delle tipologie di pubblicità su questo social, ma anche delle strategie che ho imparato e applicato negli ultimi anni come professionista pay-per-click su Facebook.

Dopo aver implementato queste tecniche, otterrai più Fan e coinvolgimento, ma soprattutto più contatti (lead) e consulenze (se proponi servizi) oppure conversioni (se vendi prodotti o info-prodotti).

Non esaminerò invece la filosofia degli annunci di Facebook, nè farò una panoramica sulla struttura delle Facebook ads o su come è tecnicamente consigliabile agire per far vedere i contenuti giusti alle persone giuste al momento giusto. Per questi approfondimenti ti rimando alla lettura di questo articolo.

3… 2… 1… Iniziamo! Quali sono queste 10 ADS Facebook?

Come accennavo prima, in questo articolo dedicato alle pubblicità sul gigante di Mark Zuckerberg non parlerò solo di tipologia 1, 2, 3… 10 di campagne Facebook ads per il personal branding.

Capiremo insieme anche l’approccio strategico giusto per sponsorizzare.

Parlerò del perché e del come fare advertising su questo social partendo dalle 3A del percorso utente nelle ads Facebook: Attenzione, Applicazione (Impegno) e Azione.

personal branding facebook con le 3A

Indicherò 3 contenuti fondamentali per il Facebook advertising e non solo. Specificherò poi 3 modi per dare valore al brand personale grazie alle sponsorizzate su questo social. Infine, non potrò non parlare di retargeting con Facebook ads: il decimo punto dell’elenco.

Personal Branding su Facebook: Le 3A delle ADS

L’approccio all’utente nelle sponsorizzate con Facebook ads per il proprio personal brand può essere visto come un imbuto suddiviso in 3 parti, una sorta di canalizzazione dell’utente:

  • Attenzione (Awareness)
  • Applicazione (Traffico o Lead Generation)
  • Azione (Conversione, ovvero Vendite)

In tutte e 3 le A delle inserzioni per il personal brand è importante ricordare che gli annunci dovranno essere un piacevole inserimento e non una sgradevole interruzione nella navigazione degli utenti in target!

🔻 ATTENZIONE

Nella parte superiore dell’imbuto, abbiamo la prima A: Attenzione. 

In questa fase, le ADS devono amplificare i contenuti creati (i post della pagina, ad esempio) per ottenere gli occhi giusti e generare coinvolgimento. L’obiettivo è essere visti catturando l’attenzione, appunto.

È imperativo rivolgersi alle persone giuste, soprattutto se si sta sponsorizzando su pubblici freddi (che non sono mai entrati in contatto con il nostro brand) altrimenti le due A successive della canalizzazione saranno ostacolate da un pubblico disinteressato.

🔻 APPLICAZIONE

La parte centrale dell’imbuto è la nostra seconda A: Applicazione (o meglio detto Impegno).

Durante questa fase le inserzioni portano l’utente a mettersi in gioco e cambiare la sua mentalità rispetto al tuo brand. Potrebbe quindi avviare azioni semplici, come una reazione, un commento o una condivisione… ma anche guardare un video nella sua interezza; in alternativa potrebbe già fare azioni più di rilievo per il brand, come ad esempio diventare lead (compilando un form di contatto, scaricando un e-book gratuito, iscrivendosi a un webinar, ecc). L’obiettivo è invogliare l’utente ad entrare a far parte della propria comunità.

🔻 AZIONE

Nella parte inferiore dell’imbuto c’e l’ultima A: Azione.

Adesso che hai offerto contenuti pertinenti al pubblico giusto e li ha spinti a unirsi alla community del tuo personal brand, l’obiettivo è chiedere un’azione per ottenere un ritorno sull’investimento.

  • Se sei un avvocato, questa conversione è una consulenza legale.
  • Come coach online, la conversione potrebbe essere vendere un corso oppure sessioni private.
  • Se sei un developer, convertirai vendendo un sito o una landing page.

E mille altri esempi che riguardino l’azione che vuoi che il tuo potenziale cliente faccia per portarti un guadagno.

Ognuna di queste fasi della canalizzazione può avere più di un momento di contatto: diversi contenuti e diversi momenti prima di convincere il potenziale cliente ad acquistare.

3 contenuti strategici per le ADS su Facebook

Concluse le 3 fasi dell’imbuto, ecco i contenuti e le azioni immancabili per le ads Facebook sul tuo personal brand e non solo:

  • Sponsorizza i post della pagina
  • Risolvi problemi ed esaudisci desideri
  • Crea lead magnet

Non sono gli unici che possono aiutarti ad arrivare alla vendita di consulenze o prodotti della tua attività, ovviamente, ma quasi sempre sono per esperienza le tipologie di contenuti più efficaci.  

🔹 BOOST POST

Per attirare l’attenzione nella prima fase della canalizzazione, crea campagne di boost post per il tuo personal branding: sponsorizza i post della tua Pagina aziendale.

Questa azione ti permetterà di:

  1. Dare risonanza ai contenuti della Pagina Facebook che hanno ottenuto maggiori interazioni tra i tuoi seguaci, sponsorizzando al di fuori della Fan base;
  2. Capire quali tra le tematiche trattate sono più di interesse per il pubblico di riferimento, indirizzando verso queste il piano editoriale della Pagina Facebook.
personal branding facebook - boost post

🔹 RISOLVERE PROBLEMI ED ESAUDIRE DESIDERI

Anche in questo caso non indicherò un contenuto specifico da utilizzare nelle tue campagne, ma cercherò di farti capire qual è il senso da dare ai contenuti che promuovono il tuo personal brand.
Come diceva il maestro P. Kotler: “Il punto di partenza della disciplina del marketing è costituito dai bisogni e dai desideri umani”.

💡 A proposito di marketing e Kotler… Scopri come usare le 5 P del marketing a tuo vantaggio!

Si tratta di un concetto alla base di tutto il web marketing (anche del marketing offline) ed è per questo che è bene farlo proprio: con tuoi contenuti cerca sempre di risolvere problemi o esaudire i desideri dei tuoi potenziali clienti.
Fallo soprattutto per le ads delle parti più basse della canalizzazione.

Facendo un esempio concreto sui bisogni dei clienti di un personal trainer:

  • descrivi il bisogno da soddisfare: es. dimagrire, tonificarsi, diventare più agili…
  • proponi la tua soluzione che soddisfa il bisogno: es. lezioni con un personal trainer dedicato
  • proponi il tuo personal brand come migliore fornitore della soluzione e spiega perché dovrebbero accettare il prezzo/valore che offri: es. personal trainer certificato da oltre 5 anni e consigliato da altri clienti che opera anche online con lezioni 1 a 1 a ogni orario del giorno 
  • spiega la ragione per cui dovrebbero agire ora: es. offerta a tempo, pochi slot ancora disponibili, ecc.

🔹 LEAD MAGNET

La lead generation, se non lo sai già, è ormai uno dei modi più utilizzati per attrarre e convertire potenziali clienti in lead, ottenendo quindi le loro informazioni di contatto.
Per far sì che il contatto diventi tale è indispensabile avere un lead magnet studiato e realizzato con cura, un contenuto “calamita” gratuito o un incentivo che convince gli utenti in target a lasciare l’email o altri riferimenti di contatto

Anche in questo caso mi sto riferendo alle parti più basse della canalizzazione utente.
Ma di cosa sto parlando nello specifico? Un elenco non esaustivo potrebbe essere questo:

  • E-book
  • Webinar
  • La prima parte di un video-corso
  • White paper
  • Statistiche e ricerche
  • Case study
  • Moduli e template
  • Sconti e versioni trial
[APPROFONDIMENTO: sul nostro blog abbiamo parlato abbondantemente di ben 16 lead magnet per fare lead generation fatta bene.]

Insomma, il tuo personal brand ha di sicuro una risorsa gratuita da poter condividere con i futuri clienti, magari anche una per ogni prodotto o servizio venduto!

Ecco quindi che con le Facebook ads potrai fare delle sponsorizzate proponendo il tuo lead magnet soprattutto a chi è già stato attratto dalle tue inserzioni, a chi ha visitato il tuo sito in passato o a chi è in qualche altro modo identificabile come pubblico caldo (che conosce il tuo personal brand).

Potrai ottenere lead tramite il tuo sito, ma anche tramite moduli di Facebook, WhatsApp e Messenger, come spiego nel mio corso Facebook Ads Automatico!

lead generation

3 modi per dare valore al brand con le Facebook ADS

Parlato della canalizzazione e dei contenuti prìncipi, non posso che addentrarmi nell’argomento “come dare valore al proprio personal brand con Facebook ADS”.

Lo farò elencando e spiegando 3 modi o elementi indispensabili per l’advertising in qualsiasi fase:

  1. Storytelling: una tecnica molto efficace, che ti permette di comunicare in modo emozionale con futuro o attuale cliente facendoti conoscere prima di tutto raccontando del suo come, quando e perché.
    Potrai quindi creare ads che avvicinano gli utenti al tuo personal brand.
  2. Testimonianze e Case Study: utilizzando questi elementi fai capire alle persone che il tuo personal brand fornisce risultati affidabili e ripetibili. I casi studio offrono informazioni dettagliate e storie di business che aiutano a convincere le persone che il tuo prodotto funziona; le testimonianze forniscono prove sociali che altre persone (simili a chi vede l’annuncio su Facebook) sono felici di acquistare da te. Sono ottimi soprattutto nel retargeting (continua a leggere per capire di cosa sto parlando!).
  1. Video Live: fatti vedere, vai live su Facebook e fai conoscere il tuo personal brand. Fai partecipare i tuoi futuri clienti alla diretta. Facebook permette di sponsorizzare eventi, anticipazioni e video per aumentare l’affluenza alle live, perché non sfruttare questa possibilità di tendenza?
live video

Last but not least: Retargeting

Dopo aver amplificato i contenuti del tuo personal brand, è tempo di retargeting.

Ma in cosa ti aiuta il retargeting su Facebook?
In una frase: creare campagne per proporre dei contenuti ad un pubblico che conosce il tuo brand e sarà quindi più propenso ad interagire nuovamente (ed agire = comprare).

Più nello specifico:

  • Raggiungere i gruppi di pubblico che ti conoscono già, re-intercettando persone che hanno visitato il tuo sito web, la tua Pagina Facebook, ecc.;
  • Personalizzare ogni inserzione per ciascun utente, in modo automatico: con le inserzioni dinamiche, ad esempio, Facebook fa vedere alle persone i tuoi prodotti o servizi a cui sono più interessati;
  • Fare in modo che i tuoi clienti fedeli tornino, fidelizzando e facendo acquistare nuovi prodotti.

Conclusioni

Bene, ora che ti ho offerto una panoramica tecnico-strategica non hai più scuse.
Non tergiversare, inizia a promuovere il tuo personal brand con le Facebook ads!
Impara a conoscere bene il tuo pubblico e scopri come targhettizzare al meglio su questo canale. Agisci su tutte le fasi della canalizzazione in maniera ordinata e strategica, sfruttando i contenuti migliori per ciascuna e le modalità più adatte per il tuo brand persona.

Non dimenticare mai di risolvere problemi o esaudire i desideri dei potenziali clienti attraverso le tue inserzioni. Usa il retargeting per portarli a convertire e ottenere così il ritorno sull’investimento pubblicitario per il tuo personal brand.

😱 FACEBOOK ADS TI SEMBRA COMPLICATO?

Impara ad automatizzarlo e inizia a creare campagne di Advertising di successo!

.

👉 GRATIS OGNI SETTIMANA
3 STRUMENTI DI AUTOMAZIONE

Ti è piaciuto? Sharing is caring

TI PUÒ INTERESSARE ANCHE...​

CERCA NEL SITO

Fai una ricerca interna al sito e trova le automazioni che cerchi.

(inserisci il testo e premi Invio)

I MIGLIORI TOOL
DI AUTOMAZIONE

Iscriviti alla nostra newsletter GRATUITA per ricevere comodamente ogni settimana 3 strumenti di automazione e mettere il pilota automatico al tuo business!