Dici addio alle vendite se il tuo sito è lento (vale per e-commerce e non)

Se tue vendite non decollano è perché la lentezza del tuo sito web le sta ostacolando. La velocità del sito è un fattore molto rilevante agli occhi degli utenti e di Google. Scopri come migliorarla!
👉 Stefano De Carlo

Dici addio alle vendite se il tuo sito è lento (vale per e-commerce e non)

Se tue vendite non decollano è perché la lentezza del tuo sito web le sta ostacolando. La velocità del sito è un fattore molto rilevante agli occhi degli utenti e di Google. Scopri come migliorarla!
👉 Stefano De Carlo

La prima impressione di un utente che naviga su un sito web è influenzata dalla sua velocità.
Infatti, la velocità sito è un elemento essenziale nell’esperienza dell’utente, soprattutto per i siti di e-commerce, dove ogni secondo di ritardo può costare moooooolti euro.

TI DICO UNA COSA CHE SAI

Preferiremmo tutti avere un sito web veloce piuttosto che un sito web lento, poiché il tempo di caricamento NON è solo una questione di praticità: ha anche un enorme impatto sul successo di un sito internet.

TI DICO UNA COSA CHE NON SAI

Più tempo impiega una pagina web per caricarsi, più la sua frequenza di rimbalzo schizzerà alle stelle.
Un’elevata frequenza di rimbalzo indica ai motori di ricerca che gli utenti non trovano utile il contenuto della pagina, quindi le sue performance scivoleranno vertiginosamente verso il baratro della centesima pagina di Google.
Paura, eh?
E pensa che, se hai un sito e-commerce, perderai inevitabilmente clienti se il tuo sito è anche di un pizzico più lento di quello della concorrenza.

Cominciamo col definire esattamente cos’è la velocità del sito web?

La velocità del sito web si riferisce alla velocità con cui ciascuna pagina web viene scaricata dal server di hosting e visualizzata nel browser di un utente. Il tempo di caricamento della pagina è il tempo necessario per visualizzare tutto il contenuto di una pagina.

Fin qui tutto facile, ma ora viene il bello.

Perché la velocità sito Web è importante?

Come già anticipato, quando un potenziale cliente o visitatore apre un sito web per la prima volta, si aspetta che carichi rapidamente, tipo in 2 o 3 secondi (secondi!) massimo. Questa velocità ha una frequenza di rimbalzo media del 9%, mentre le pagine che si caricano in 5 secondi, vedono le loro frequenze di rimbalzo aumentare fino al 38%. Sbam: dici addio alle vendite!

Velocità e prestazioni giocano un ruolo enorme nel ranking di ricerca di Google, in particolare con l’aggiornamento CORE WEB VITALS da parte di Big G. I Web Vitals sono parametri che misurano comportamenti ed esperienza delle persone quando navigano sulle pagine. 

Tra questi ci sono 3 parametri principali che Google indica come “Core”: 

  1. velocità di caricamento dell’elemento principale della pagina

  2. tempo di risposta del server alla prima attività dell’utente

  3. stabilità degli elementi della pagina

Questi indicatori erano già stati implementati ed erano misurabili coi tool a disposizione dei SEO Specialist, ma ora sono anche fattori di ranking. Per di più, non possiamo permetterci di concentrarci solo sulle performance da desktop, dobbiamo anche considerare la navigazione da mobile, che ormai caratterizza il (quasi) totale utilizzo da parte degli utenti.

Uno studio pubblicato da Akamai mostra che i clienti mobile sono più coinvolti rispetto a quelli desktop.
Il 57% degli utenti via tablet cerca prodotti almeno una volta alla settimana, rispetto al 37% di chi naviga da desktop.
Il 35% degli utenti via tablet e smartphone effettua almeno un acquisto online a settimana tramite dispositivi mobile. Mentre gli utenti desktop raggiungono solo il 15%.
Di questi, il 39% degli utenti mobile non è soddisfatto delle proprie esperienze online. 

Ciò è dovuto a due fattori fondamentali: pagine lente e siti bloccati.
Per questo motivo è essenziale ottimizzare la velocità di caricamento del sito Web in considerazione di questo pubblico così vasto.

Quindi, quanto velocemente dovrebbe caricare un sito Web?

Come già detto, un sito dovrebbe caricarsi entro 3 secondi, o 2 secondi se si tratta di un sito di e-commerce.
Il passaggio da 2 a 3 secondi è il punto di svolta in cui le frequenze di rimbalzo salgono alle stelle: infatti, il 40% dei consumatori NON attenderà più di tre secondi prima di abbandonare un sito. Il 40%, lo ripeto.

In che modo la velocità del web influisce sulle vendite

La velocità del sito web può influire su tutto, dalle vendite alle prestazioni dei motori di ricerca.

Qualsiasi sito web lento (e-commerce o no) vedrà un aumento della frequenza di rimbalzo e una diminuzione del tempo sul sito.
Anche solo un secondo di ritardo ridurrà le conversioni del 4,42%.

La velocità influisce in maniera rilevante anche sulle performance aziendali rispetto alla concorrenza.
Il 79% degli acquirenti online che hanno un’esperienza insoddisfacente, ha meno probabilità di acquistare di nuovo dallo stesso sito, mentre il 64% decide direttamente di acquistare altrove.

3 strumenti gratuiti per effettuare un test di velocità sito web

Non sai bene come performa il tuo sito web rispetto alla sua velocità di caricamento e vuoi misurare le prestazioni?
Ti lascio di seguito i link a qualche strumento di test che misura la velocità e che ti aiuta a conoscerla e migliorarla:

In che modo la velocità del web influisce sulla SEO

Il contenuto e la pertinenza dello stesso rispetto ad una query di ricerca hanno ancora una fondamentale importanza se vuoi aumentare le tue possibilità di scalare la SERP e raggiungere le prime posizioni, ma anche il tempo di caricamento del sito Web è un segnale di posizionamento confermato da Google. Quindi è importante velocizzare le tue pagine per avere una migliore possibilità di successo SEO.

La SEO ti toglie il sonno? Guarda la checklist di Giorgio Taverniti e posiziona i tuoi contenuti in prima posizione!

Come migliorare la velocità del sito web in 5 step

Alcune variabili, come la connessione internet, NON possono essere controllate. Altre sì, per fortuna.

La maggior parte dei problemi che influiscono sul tempo di caricamento, sono fattori che possono essere risolti con interventi specifici. Facciamo alcuni esempi concreti:

  1. Dimensioni dei file: le dimensioni dei file determinano quanto reattivo e veloce sia un sito nel successivo caricamento. I file di script, i codici HTML, i fogli di stile e le immagini influiscono sulla velocità della pagina. File di dimensioni inferiori e più contenute possono velocizzare il tempo di caricamento del tuo sito WEB e renderlo più performante.

  2. Web Server Network: quando un client richiama un sito web, la richiesta viene elaborata dal server. Se i dati sono minimi, la richiesta può essere soddisfatta più velocemente ma, eventuali troppe richieste contemporanee, possono essere un freno al tempo di caricamento. Man mano che il traffico del sito aumenta, le elaborazioni dei processi rallentano il processore. In questo caso è imperativo aumentare la capacità del processore. 

  3. Tecniche per ottimizzare la velocità della pagina: minore è la dimensione dei file, più veloce è il processo. Questo è anche il caso del codice di programmazione che viene visualizzato sul browser del visitatore. Il codice può essere abbreviato e semplificato, migliorando così i tempi di caricamento del sito. Dai un’occhiata a questo articolo per scoprire i migliori plugin di WordPress, tra i quali dovresti trovare quello che fa al caso tuo!

  4. Ottimizzazione del server web: quando si tratta di pagine web, è fondamentale determinare la causa principale dei ritardi nel tempo di caricamento. Molto spesso, il server è sovraccarico e l’host, di conseguenza, può mostrare un errore, non essendo in grado di elaborare varie richieste. È fondamentale, dunque, individuare questi ostacoli e scegliere un hosting performante (anche GRATUITO) per migliorare le prestazioni del sito web. 

  5. Ottimizzazione delle immagini: è essenziale ridurre le dimensioni dei file immagine, ovvero comprimere le immagini per aumentare la velocità di caricamento per garantire una migliore esperienza agli utenti (user experience). Poiché le immagini sono un elemento essenziale per catturare l’attenzione dell’utente e allo stesso tempo per far sì che continui la navigazione, è fondamentale comprimere le immagini fermo restando la qualità delle stesse. Ti consiglio di usare gratis questo strumento online per comprimere le tue immagini.

In conclusione, come aumentare la velocità del tuo sito (quindi le vendite)? 

Come visto in questo articolo, è davvero importante ottimizzare la velocità di caricamento del tuo sito.
Anche piccoli miglioramenti nel tempo di caricamento della pagina possono aiutare a far crescere il tuo business e di conseguenza le tue vendite.

Insomma, è proprio arrivato il momento di rimboccarsi le maniche e passare dalle parole ai fatti ottimizzando il tuo sito, il tuo hosting e le tue vendite. Sono sicuro che farai tesoro di questi consigli!

E, considerato che ora sai come avere un sito veloce che possa farti vendere di più, ti invito a scoprire GRATIS nuove tecniche, strategie e strumenti automatici che ti aiuteranno a per vendere di più senza stress! Come? Iscriviti al canale YouTube di AutomatiKing!

VUOI VENDERE DI PIÙ SENZA STRESS?

Seguici su YouTube!

Non mi resta che augurarti buone ottimizzazioni e buone automazioni!

👉 GRATIS OGNI SETTIMANA
3 STRUMENTI DI AUTOMAZIONE

Ti è piaciuto? Sharing is caring

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TI PUÒ INTERESSARE ANCHE...​

CERCA NEL SITO

Fai una ricerca interna al sito e trova le automazioni che cerchi.

(inserisci il testo e premi Invio)

I MIGLIORI TOOL
DI AUTOMAZIONE

Iscriviti alla nostra newsletter GRATUITA per ricevere comodamente ogni settimana 3 strumenti di automazione e mettere il pilota automatico al tuo business!