Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Tempo di lettura: 6 minuti

NON puoi automatizzare il CAOS: rendi produttiva la tua impresa

Per poter automatizzare bisogna prima creare con chiarezza i processi che stanno alla base di quella automazione. In questa guida analizziamo, punto per punto, i vari aspetti che riguardano la produttività collegata all’automazione. 
Tempo di lettura: 6 minuti

NON puoi automatizzare il CAOS: rendi produttiva la tua impresa

Per poter automatizzare bisogna prima creare con chiarezza i processi che stanno alla base di quella automazione. In questa guida analizziamo, punto per punto, i vari aspetti che riguardano la produttività collegata all’automazione. 

Hola Automatikers e futuri Automatikers! 

Oggi parliamo di un argomento che mi sta molto a cuore: come rendere più produttivo il tuo business.
Il perché è facile: ci tengo a essere DAVVERO d’aiuto nel processo di automazione della tua attività.

Tutto parte da una domanda, una domanda che mi fanno spessissimo: “Da dove inizio ad automatizzare?”

Ecco, è proprio nei secondi successivi a questa domanda che mi rendo conto se ci sono o meno le basi per iniziare un processo di automatizzazione. A quali basi mi riferisco? A quelle organizzative. Se infatti nella tua attività regna la confusione, l’unica regola è il caos e NON ci sono processi chiari, beh allora sarà impossibile iniziare un processo di automazione. 

Automatizzare infatti significa mettere tutti i pezzetti del puzzle al loro posto, in automatico ovviamente.

Ecco allora che in questo articolo ti aiuterò a gettare le basi di un processo di automazione efficace: dare ordine alla tua attività, creare processi efficienti e far diventare esponenzialmente più produttivo il tuo business. 

Cominciamo.

👉 GRATIS OGNI SETTIMANA
3 STRUMENTI DI AUTOMAZIONE

Attraverso la nostra newsletter, più di 5.000 #automatikers stanno scoprendo il lato automatico del business e della vita. Che dici, ti unisci a noi? ❤️

Digitalizzare vuol dire organizzazione

Facciamo una premessa.

La ventata di digitalizzazione che ha soffiato ultimamente nel mondo del business, complice anche il Covid, ha portato a un netto cambiamento all’interno del mercato. Questo cambiamento, che onestamente è ancora parziale, ha avuto notevoli effetti positivi sul mercato. 

E fin qui non ci piove.

Ma NON è tutto rose e fiori: la trasformazione digitale delle imprese ha avuto anche qualche conseguenza negativa. Prima fra tutte, un incremento esponenziale della concorrenza. 

Infatti, a causa dell’accesso massivo delle imprese al “mondo digitale”, i costi dei canali promozionali si sono impennati e tutte le aziende combattono, con i denti e le unghie, per ricevere un briciolo di visibilità. 

Se anche tu hai un’azienda, probabilmente lo avrai notato.

Il punto però è un altro.
Quando ho scoperto concetti come l’organizzazione aziendale e la business automation, ho spalancato gli occhi e mi sono detto: “se voglio davvero diffondere l’automatizzazione e aiutare professionisti e imprenditori a vendere di più senza stress, devo parlare di come mettere ordine all’interno dell’attività”.

Infatti, per poter automatizzare, bisogna prima creare con chiarezza i processi che stanno alla base di quella automazione. Ecco perché in questa guida ho deciso di analizzare, punto per punto, i vari aspetti che riguardano la produttività collegata all’automazione. 

E lo sai che sono molto generoso con la mia community di Automatikers, quindi seguimi in questo articolo, potrebbe svoltarti la vita.

Cos’è l’automazione di un’azienda: i processi e le regole

Noi di Automatiking siamo stati tra i primi a parlare di Automazione in Europa.

Il termine automazione mi ha sempre portato a considerare una sequenza di eventi che possono avvenire in maniera diretta, senza la necessità di un intervento umano. Mi viene inevitabilmente in mente il processo che ha rivoluzionato il mercato delle auto nel 1913, quando un genio come Henry Ford realizzò la produzione di un’auto da 12 ore a sole 2 ore, mettendo in pratica la sua prima strategia di automazione.

Certo, era un processo applicato a una fabbrica, ma in un sistema digitale come quello moderno, in cui siamo tutti circondati da computer e strumenti elettronici, beh come puoi creare un’automazione che funzioni? E soprattutto, quanto è complicato creare la suddetta automazione?

Tranquillo, puoi tirare un bel respiro di sollievo: non stiamo parlando di concetti di marketing complessi. 

Automazione vuol dire saper migliorare la propria attività rendendo tutto più semplice e trasformando i processi ripetitivi in automatici. In questo modo potrai migliorare la produttività della tua impresa e vendere di più senza stress. Non vedi l’ora di iniziare? 

Vediamo insieme come. 

Dove iniziare per automatizzare la propria attività

Te lo stai chiedendo, vero? “Stefano, ma da dove inizio per automatizzare la mia attività?

La risposta è semplice: dalla valutazione iniziale. Nessun imprenditore, infatti, si può permettere il lusso di pensare che si possa mettere ordine e automatizzare un particolare processo SENZA aver pensato a un programma ben definito.

Ed eccoli allora, serviti su un piatto d’argento, i passaggi chiave per costruire il tuo processo di automazione:

  1. Definire la situazione di partenza

Non cadere nella trappola di pensare che per la tua attività non c’è possibilità di automazione e non cadere neanche nella trappola opposta di pensare che il tuo business sia già automatizzato al massimo. C’è sempre qualcosa che può essere fatto in modo più efficiente, con una strategia diversa, magari utilizzando uno strumento di automazione o semplicemente cambiando tool e scegliendone uno più adatto a te.

Quindi liberati dei tuoi schemi mentali e guardando il tuo business dall’alto prova a chiederti: “Dove potrei risparmiare tempo? Dove potrei risparmiare denaro? Dove potrei risparmiare risorse? Quali processi potrei rendere automatici? Quali processi potrei digitalizzare? Quali processi potrebbero essere migliorati e come?

Vedrai che queste domande ti aiuteranno notevolmente a identificare le aree di miglioramento.

  1. Definire con chiarezza il processo che si vuole automatizzare

A questo punto hai individuato le aree di automazione. Come procedere?

Stabilisci con esattezza che cosa vuoi automatizzare. Ad esempio: voglio automatizzare il funnel di vendita che è fatto dai seguenti step: step 1… step 2… step 3… ecc..

Non hai ancora un funnel di vendita? Ecco come implementarlo nella tua azienda. ⬇️⬇️⬇️

Per alcuni di questi processi potrebbe essere necessario l’intervento umano. Anche in questo caso l’obiettivo è trovare una strategia, o comunque degli strumenti di supporto, che possano velocizzare l’attività e aumentare la produttività.

Dove, invece, è possibile automatizzare l’intero processo sarà sufficiente scegliere il tool perfetto per la tua attività. E se non sai quale scegliere, iscriviti alla nostra newsletter e scopri GRATIS ogni settimana nuovi tool di automazione.

  1. Identificare gli strumenti che possono supportare questa automazione

Ora che hai il quadro generale e il processo chiaro, cosa manca?

Identificare gli strumenti a supporto della tua automazione, ovviamente. Possono essere strumenti di ogni tipo, all’inizio anche semplici pezzi di carta con gli schemi alla base delle tue automazioni, per dire.

Ma ovviamente a noi Automatikers interessano strategie e tool che ci fanno risparmiare molto tempo così da poter svolgere la nostra attività al meglio e senza stress, giusto? Ecco perché, oltre a fare ricerche, puoi mettere direttamente il pilota automatico al tuo business grazie alla nostra Biblioteca delle Automazioni.

VUOI UN BUSINESS AUTOMATICO? ✌🏻

Puoi scegliere fra decine di corsi che faranno fare al tuo progetto digitale
il salto di qualità di cui ha davvero bisogno!

  1. Utilizzare dei riferimenti numerici

A questo punto, inizia una delle fasi più importanti: monitorare.

Perché? Perché ad esempio potrebbe accadere che il primo tool che sceglierai non sia quello perfetto oppure che il processo nella realtà va in modo diverso. Ecco perché, prima di complicarti troppo la vita, sfrutta la versione free degli strumenti e tieni sotto controllo le KPI.

Dato che ci sono, che ne dici se ti offro anche alcuni consigli per affrontare il processo di automazione della tua attività?

Ottimo! Seguimi nel prossimo paragrafo.

Affrontare il processo di automazione al meglio: consigli

Sono davvero contento di condividere con te alcuni consigli che ho imparato negli ultimi anni, grazia allo studio ma soprattutto grazie all’esperienza nella mia stessa attività. Mi piace pensare che i miei errori possano trasformarsi in degli insegnamenti utili a tutta la community di Automatikers.

Consiglio numero 1: procedi a piccoli step. Non pensare di automatizzare tutti i tuoi processi nel giro di qualche giorno. Concediti il tempo di capire cosa può funzionare meglio per la tua attività, testa e valuta. Ricordati che l’automazione non è una gara di velocità, ma una maratona! Non è neanche un’attività che svolgi una tantum, ma è un modo di concepire il business (e la vita!).

Consiglio numero 2: condividi l’automazione con i tuoi collaboratori. Non arrivare all’improvviso senza esserti confrontato con le persone con cui condividi il tran tran quotidiano. L’automazione richiede un processo di educazione, tra le altre cose. Assicurati che venga accettata nella cultura aziendale, altrimenti potrebbe essere fallimentare.

Consiglio numero 3: persisti. L’automazione è un processo ciclico e in continuo sviluppo. Si tratta di scegliere una strategia/uno strumento, applicarlo, vedere il risultato e aggiustare il tiro. È un miglioramento continuo e una crescita continua, considerano anche il fatto che il mercato delle automazioni è molto vivo e letteralmente ogni giorno escono nuovi tool capaci di semplificarci la vita.

Consiglio numero 4: sperimenta e confrontati. E guarda un po’, questo è proprio il fulcro della nostra community: sperimentare e confrontarsi. Quando si parla di automazione le possibilità sono infinite e per questo poter entrare in contatto con altre persone che stanno automatizzando a loro volta le loro attività può essere una soluzione vincente.

Che strategia utilizza chi si è fatto le tue stesse domande?
Che tool fa la differenza nel business?
Come hanno fatto a raggiungere risultati superiori? 

Il confronto può davvero condurti a trovare il metodo migliore e a risparmiare un sacco di errori e di tempo.

Conclusioni

Concludendo, quello che mi interessa sottolineare è che automatizzare è sempre possibile, così come migliorare l’automazione già esistente è sempre possibile.

Certo, prima bisogna essere consapevoli della propria situazione aziendale e individuare cosa può essere migliorato.

E sappi che NON sei solo, ci siamo noi con tutti i nostri Corsi, le tantissime risorse gratuite sul nostro Magazine, i centinaia di video sul nostro Canale YouTube

Tanti modi per aiutarti a vivere il tuo business con meno stress e più risultati.

Un abbraccio forte dalle Canarie, e buone automazioni.
Stefano.

PS: quasi dimenticavo: allora… cosa vuoi automatizzare?

VUOI UN BUSINESS AUTOMATICO? ✌🏻

Puoi scegliere fra decine di corsi che faranno fare al tuo progetto digitale
il salto di qualità di cui ha davvero bisogno!

Ti è piaciuto? Sharing is caring

Condividi su linkedin
Condividi su LinkedIn
Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su WhatsApp
Stefano De Carlo

Stefano De Carlo

Imprenditore, formatore e padre ❤️ Il suo chiodo fisso è aiutare gli imprenditori di tutto il mondo (sì, Stefano è un tipo ambizioso) a mettere il pilota automatico al proprio business e vendere senza stress.

TI PUÒ INTERESSARE ANCHE...​

I MIGLIORI TOOL
DI AUTOMAZIONE

Iscriviti alla nostra newsletter GRATUITA per ricevere comodamente ogni settimana 3 strumenti di automazione e mettere il pilota automatico al tuo business!