numero verde automatiking

Analisi della concorrenza: l’arma per rubare clienti in modo etico

Osserva le scelte e le strategie dei tuoi concorrenti in un determinato segmento di mercato e sfrutta queste informazioni per migliorare la strategia della tua azienda. Scopri come!
👉 Di Chiara Clemente

Analisi della concorrenza: l’arma per rubare clienti in modo etico

Osserva le scelte e le strategie dei tuoi concorrenti in un determinato segmento di mercato e sfrutta queste informazioni per migliorare la strategia della tua azienda. Scopri come!
👉 Di Chiara Clemente

Quando si inizia a delineare una strategia di marketing le cose da fare sono tantissime: definire punti di forza e di debolezza dei nostri prodotti e servizi, capire quali contenuti da postare sui nostri canali possano aiutare e risolvere problemi concreti ai nostri potenziali lettori e ascoltatori, creare un business plan, formare le risorse del team e tanto altro ancora.

E se ti dicessi che tutti questi passaggi in realtà arrivano dopo UN solo grande step? Quale, ti stai chiedendo? Semplice: l’analisi della concorrenza.

Analizzare i competitor e, di conseguenza, il nostro mercato di riferimento è il punto di partenza di ogni strategia di successo e ora ti spiego perché e, soprattutto, come farne una che sia efficace.

Perché analizzare la concorrenza?

Questo tipo di analisi può essere la salvezza della tua strategia di web marketing per due motivi principali:

  • Scoprire cosa i competitor stanno facendo bene e imparare da loro per migliorare i tuoi punti di debolezza

  • Scoprire cosa i competitor stanno facendo male e trarre vantaggio dai loro punti di debolezza

Facile, vero?
Basta guardare cosa fanno bene e copiarlo ed evitare quello che fanno male. 

No! C’è molto di più dietro!

Parafrasando Einstein, ripetere le stesse azioni e aspettarsi risultati diversi ha poco senso.
Proprio per questo scopiazzare qua e là quello che vediamo dai competitor solo perché ci sembra di successo, potrebbe rivelarsi un errore fatale per noi.

E se la loro campagna stesse andando malissimo?
E se la loro strategia portasse a una reazione negativa degli utenti?
E se loro stessero investendo molti più soldi?

Insomma: le indagini di mercato alla scoprire le strategia aziendale dei tuoi rivali online dovrebbe essere il tuo punto di partenza, la tua ispirazione per fare sempre meglio di loro e non per copiarla per avere una scorciatoia.

Ci sono, poi, altre considerazioni importanti da fare nell’analisi dei competitor, eccone alcune:

  • Ci sono canali di marketing che i competitor usano e io no?

  • Sono seguiti dalla stessa audience che sto targettizzando io o ci sono altre fette di pubblico a cui potrei puntare?

  • Usano i social media in maniera differente da me? Se sì, come e perché?

Ogni dettaglio potrebbe essere un punto di forza in più e una freccia in più da aggiungere al nostro arco per arrivare al tuo target di riferimento. Niente va lasciato al caso!

Come si fa un’analisi della concorrenza?

Ci sono tantissimi modi e strumenti per raccogliere informazioni sui tuoi rivali online.
Io oggi ti parlerò di come farlo con Semrush (e non solo). 

Partiamo dall’uso di uno strumento di analisi, che è sicuramente uno dei modi migliori per risparmiare tempo e ottenere informazioni che, altrimenti, sarebbe difficile avere.

Gli strumenti che ti farò vedere ora sono inclusi tutti in un add-on di Semrush che si chiama Semrush.Trends. All’interno di questo add-on ci sono diversi tool, come Market Explorer e Traffic Analytics. 

Partiamo da Market Explorer

Facciamo finta per un attimo che tu stia mettendo mano ora per la prima volta al tuo progetto, che sia in fase embrionale e che tu non abbia chiaro chi siano al momento i tuoi competitor. Come fare a trovarli?

Beh, con Market Explorer ci vogliono circa 3 clic.
Ti basterà inserire il tuo dominio e il tuo mercato di riferimento (non aver paura se operi all’estero, nel nostro database ci sono oltre 190 Paesi) e il tool ti restituirà una chiara panoramica di mercato.
Eccone un esempio. 

Con il widget “Quadrante della crescita” ti sarà possibile identificare non solo chi sono i tuoi competitor, ma anche quanto e come stanno crescendo!
Ognuna delle quattro categorie, infatti, ha delle specifiche caratteristiche di crescita, che ti indicheranno immediatamente chi possono essere i player da tenere d’occhio di più.

Nella sezione “Dati demografici”, invece, troverai più informazioni relative al pubblico dei competitor, come ad esempio età, sesso, e i social network più frequentati con le rispettive percentuali. Tutto a portata di clic.

Ora che abbiamo una visione più chiara del mercato e dei concorrenti è il momento di buttarsi a capofitto nell’analisi dettagliata del loro sito web. Entra in gioco Traffic Analytics

Con questo strumento è possibile analizzare il comportamento utente sul sito del competitor, con dati riguardanti bounce rate, tempo di permanenza medio su pagina e quali pagine vengono visitate maggiormente, ma non solo! Infatti, è possibile analizzare anche le principali fonti di traffico dei nostri concorrenti, i siti che gli utenti visitano dopo aver visitato il sito dei competitor, e molti molti moltissimi altri dati ancora. 

Comprendere e analizzare a fondo le fonti di traffico è una fonte di informazioni davvero fondamentale. 

Tanto traffico di riferimento? Probabilmente il brand è forte, i contenuti sono di valore, questi concorrenti sono riconosciuti come un punto di riferimento della community.

Cosa posso fare per intaccare quel traffico?
Con chi stanno stringendo rapporti lavorativi (questo si può scoprire in Backlink Analytics, osservando da chi ricevono link)?
Tanto traffico social? E da quale social precisamente? Ci sono degli spazi sociali che non sono presidiati e sui quali potrei andare a lavorare io costruendo una community?
Tanto traffico di ricerca? Probabilmente stanno lavorando molto sulla SEO, quindi quali sono le principali parole chiave su cui stanno puntando? Posso scrivere dei contenuti per keyword simili che potrebbero intaccare un po’ di quel traffico?

Questi sono solo piccoli esempi di riflessioni scaturite da questi dati.
Si possono anche analizzare le migliori sottocartelle e sottodomini: il sito del vostro competitor non avrà più segreti per voi!

Altri metodi di analisi della concorrenza

Se non abbiamo a disposizione uno strumento che automatizzi in maniera così semplice e veloce il processo, come Semrush ad esempio, come possiamo carpire i segreti dei competitor?

Per risolvere questo problema ci sono diverse soluzioni, tra cui:

  • Parlare con il nostro reparto vendite e di supporto clienti

  • Fare delle interviste mirate ai nostri clienti

  • Tirarsi su le maniche e fare una bella ricerca su Google, utilizzando le informazioni disponibili pubblicamente

Certo, non sono soluzioni immediate e richiedono tempo e fatica, ma sono comunque vie percorribili e addirittura consigliabili!
Non dobbiamo sottovalutare le informazioni che i nostri specialisti interni o i nostri clienti potrebbero fornirci, soprattutto questi ultimi. Ricordiamoci, infatti, che alla fine sono loro che comprano!

Conclusioni

Per concludere, fare una ricerca di mercato e l’analisi della concorrenza è uno step imprescindibile per avere successo con il tuo business e, con questo articolo, spero di averlo reso più semplice e veloce!

E tieni gli occhi aperti sull’Academy di AutomatiKing, perché è arrivato un corso super dettagliato proprio su questo argomento e con tantissime lezioni pratiche e piene di automazioni per risparmiare tempo e fatica. 

Ci vediamo presto su questi schermi!
Buona analisi!

🚀 VUOI SAPERE DOVE TROVANO CLIENTI I TUOI COMPETITOR?

Fallo e ottieni subito un grande Vantaggio Competitivo!

👉 GRATIS OGNI SETTIMANA
3 STRUMENTI DI AUTOMAZIONE

Ti è piaciuto? Sharing is caring

TI PUÒ INTERESSARE ANCHE...​

CERCA NEL SITO

Fai una ricerca interna al sito e trova le automazioni che cerchi.

(inserisci il testo e premi Invio)

I MIGLIORI TOOL
DI AUTOMAZIONE

Iscriviti alla nostra newsletter GRATUITA per ricevere comodamente ogni settimana 3 strumenti di automazione e mettere il pilota automatico al tuo business!