Google Data Studio diventa Looker Studio, scopriamo le novità!

Hai difficoltà nel trovare i dati di cui hai bisogno o non sai come presentarli in modo semplice e intuitivo a team e clienti? Con Looker Studio, tutto questo ti sembrerà un gioco da ragazzi!

Fare Data Analysis è un lavoro, ammettiamolo, parecchio faticoso.
Eppure sappiamo bene che raccogliere ed elaborare i dati aziendali è fondamentale per qualsiasi tipo di business. 

Questa attività ti permette infatti di inquadrare l’andamento del lavoro, trovare soluzioni più performanti e anticipare le tendenze di mercato. Soprattutto se il lavoro è fatto bene e risulta comprensibile a tutti, dai collaboratori ai clienti.

Ti basta sfruttare strumenti come Google Looker Studio. Oggi si chiama così, ma tu forse lo conoscevi come Google Data Studio. Quest’ultimo ha solo cambiato look, diventando ancora più potente e graficamente accattivante! Grazie a questo strumento di business intelligence, il lavoro di raccolta e analisi dati ti sembrerà un gioco da ragazzi!

Stiamo parlando di una piattaforma online gratuita che ti permette di unire differenti fonti dati e presentarle in report come visione d’insieme e molto di più. Non perdiamo altro tempo in chiacchiere e scopriamo subito di che si tratta e come funziona!

Come funziona Looker?

Looker Studio è uno strumento Google di business intelligence self-service.
In pratica si tratta di una piattaforma gratuita che trasforma i dati in dashboard e report informativi. Rispetto alla vecchia versione, le novità implementate sono notevoli.

Se con Google Data Studio era possibile avere solo una visualizzazione dei dati chiara, con Looker puoi anche “lavorare” le informazioni.
Questo significa che puoi creare in autonomia vere e proprie visualizzazioni interattive dei dati aziendali, altamente personalizzabili, semplici da leggere e da condividere.

La piattaforma può connettersi con tutte le fonti dati che si hanno a disposizione (ad esempio database aziendale, Google Analytics, Fogli Google, Social media etc.). Basta collegarla a uno o più set da cui attingere.
Poi, grazie all’editor di report che troverai sul pannello di controllo del programma, potrai trascinare in apposite griglie le informazioni raccolte e iniziare il lavoro!

Come può esserti utile questo software Google? Preparati, c’è da rimanere a bocca aperta!

A cosa serve Looker Studio?

Looker Studio è una soluzione avanzata, dall’interfaccia intuitiva e facile da usare (altro punto a suo favore), che permette di velocizzare e ottimizzare tutto il lavoro di Data Analysis.

Come ti dicevo, con Looker potrai raccogliere i dati aziendali provenienti da varie fonti in un’unica piattaforma e lavorarli tramite un editor di report. Questo ti permetterà di:

  • Rappresentare la storia dei dati con diverse tipologie di grafici, tabelle, ideogrammi e via dicendo;

  • Utilizzare diversi temi di colore o stili per impreziosire visivamente le storie dei dati;

  • Aggiungere link, pulsanti grafici, testi, immagini in linea con il brand;

  • Rendere i tuoi report dinamici e interattivi, che si aggiornano automaticamente sulla base del periodo selezionato grazie al filtro “Intervalli di date”;

  • Invitare altri utenti (come collaboratori o team di lavoro) a visualizzare o modificare i tuoi report per poi condividerli con i clienti.

Personalmente posso dirti che questa soluzione mi ha permesso di semplificare, migliorare e automatizzare un’attività ripetitiva come l’analisi raccolta dati. Il che, devo ammetterlo, non è poco!

Come si usa Looker Studio?

Concludiamo la nostra chiacchierata con qualche consiglio su come usare Looker Studio.

Se non hai mai avuto a che fare con la vecchia Google Data Studio o piattaforme simili, potresti iniziare a fare un po’ di pratica utilizzando alcuni template disponibili su “Galleria modelli”. Per utilizzare un modello, dovrai prima crearne una copia e poi sostituire i dati dell’account dimostrativo di Google con quelli relativi alla tua azienda.

Se invece ti senti in vena di realizzare un report da zero, dovrai cliccare su “Report Vuoto” e comunicare quali dati vuoi connettere.
A questo punto comparirà una tabella contenente i dati e… potrai sbizzarrirti con le personalizzazioni!

Andando su “Configurazione”, potrai scegliere dimensioni, metriche e filtri da attivare. Cliccando su  “Stile” invece gestirai il layout, il font, i colori della tabella, grafico o diagramma scelto (ce ne sono per tutti i gusti).

Infine, se quello che hai creato ti soddisfa, non ti resta che condividerlo con gli altri membri del team semplicemente cliccando il tasto condividi e scegliendo la modalità che preferisci. 

Ecco fatto! E adesso dimmi… non è proprio un gioco da ragazzi, come ti avevo accennato?

AutomatiKing ha tra i suoi obiettivi quello di aiutarti a scoprire l’automazione che ti serve, quando ti serve e che puoi imparare a gestire in totale autonomia. Ma vogliamo fare di più per aiutarti a ottenere il massimo dalla tua attività, senza rinunciare alla tua vita personale.

Perciò abbiamo pensato di realizzare un servizio unico nel suo genere: Esperti in affitto.
Delegando il lavoro “sporco” a noi, avrai più tempo per concentrarti su ciò che sai fare meglio e far crescere il tuo business.

Scopri subito di che si tratta e come lavorare a stretto contatto con uno o più esperti AutomatiKing!

🚀 DA ZERO A AUTOMATIKER 🚀

Il percorso che ti aiuta a mettere il pilota Automatico al tuo Business in sole 12 settimane!

👉 GRATIS OGNI SETTIMANA 3 STRUMENTI DI AUTOMAZIONE

Ti è piaciuto? Sharing is caring

TI PUÒ INTERESSARE ANCHE...​

I MIGLIORI TOOL
DI AUTOMAZIONE

Iscriviti alla nostra newsletter GRATUITA per ricevere comodamente ogni settimana 3 strumenti di automazione e mettere il pilota automatico al tuo business!