Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Tempo di lettura: 6 minuti

IFTTT e il web diventa automatico: il tutorial definitivo per lavorare meglio

Vivere non dovrebbe essere difficile. Ma a volte siamo abituati a renderlo più complicato. La soluzione è semplice: IFTTT!
Tempo di lettura: 6 minuti

IFTTT e il web diventa automatico: il tutorial definitivo per lavorare meglio

Vivere non dovrebbe essere difficile. Ma a volte siamo abituati a renderlo più complicato. La soluzione è semplice: IFTTT!

Era il 2011.

Mentre maneggiavo il mio modesto ma fedele iPhone 4, non potevo certamente immaginare che una rivoluzione era in atto.

In qualche posto molto lontano da me veniva infatti rilasciata la primissima versione di IFTTT, un servizio gratuito che oggi è molto diffuso, anche se poche persone sanno di cosa si tratta.

Il classico trucchetto che c’è, ma non si vede.

La sigla IFTTT sta per If This Then That: una specie di scioglilingua in inglese, il cui significato è “se si verifica questo, allora fai quello”.
Non è un ordine! Si tratta di un semplice rapporto di causa-effetto che ti può sembrare una cosa alquanto banale, anche se nel mondo della tecnologia non è affatto così.

Immagina una situazione molto semplice: quante volte avresti voluto che le luci calassero da sole quando guardavi un film in televisione?
Oppure, hai mai desiderato che le persiane si alzassero automaticamente a una certa ora?
Ecco, questi sono alcuni degli esempi che IFTTT è in grado di fare.

Scopri 27 modi per automatizzare il tuo business

Scarica l’E-book gratuito!

IFTTT: lascia che il tuo tempo esca dalla prigione!

Vivere non dovrebbe essere difficile.
Ma siamo abituati spesso a renderlo più complicato.
La soluzione è semplice o, per meglio dire, la soluzione è la semplicità.

La parola chiave è automazione, nel significato più ampio del termine.

Con l’automazione IFTTT, infatti, è possibile ridurre la necessità dell’intervento da parte di ognuno di noi nelle più svariate operazioni, grazie alla possibilità di implementare diversi rapporti causa-effetto tra prodotti e servizi.

Di getto ho voglia di condividere con te le potenziali applicazioni di IFTTT dentro casa poiché, in AutomatiKing ne siamo convinti al 100%, il tempo libero è essenziale.
E ritengo che anche in quel caso la tecnologia deve consentirmi di vivere meglio le mie giornate e di sollevarmi da alcuni obblighi.

Ma non lasciarti ingannare da quello che ho appena suggerito: le potenzialità di IFTTT si esprimono al massimo in ambito informatico e professionale, quindi se hai un blog oppure un’attività, questo servizio può decisamente fare al caso tuo. E se lo abbini ad altri strumenti, come Asana ad esempio, sarai più potente di un supereroe!

Guida alla produttività di IFTTT

Abra-cadabra, fai funzionare IFTTT

Se ti stai chiedendo come funziona IFTTT, sappi che il principio di base è estremamente semplice: tu imposti un’azione che deve avvenire (il tuo “then that”) solo se si verifica una precisa condizione (il “if this”).

Ora, non voglio annoiarti ulteriormente con dettagli troppo tecnici e per il momento ti basti sapere questo.
Più avanti vedremo come puoi usare IFTTT ma ti anticipo che non è affatto complicato come forse immagini.
Al contrario direi che il servizio è alla portata di tutti.

È semplice magia!

🔎 POTREBBE INTERESSARTI: a proposito di web automation, hai già letto di Zapier?

IFTTT funziona con il web che hai già in tasca!

Non devi scaricare niente di nuovo, non hai bisogno di creare nuovi account o metterti a studiare un nuovo tool.
If This Then That è già perfettamente integrato con tutti i servizi che già usi e che fanno parte della tua quotidianità, da quando urli un “Hey Siri, accendi le luci del bagno alle 06:45” al momento in cui scheduli un nuovo progetto sul tuo software di produttività preferito.

Vuoi due esempi? Eccoteli!

WordPress & IFTTT = amore

Se usi la piattaforma WordPress, non puoi non conoscere IFTTT.
Hai un blog e vuoi promuovere facilmente i tuoi contenuti su una piattaforma social?
Non c’è problema: IFTTT ti offre la possibilità di pubblicare un post su Twitter in automatico ogni qual volta rilasci un nuovo contenuto sulla piattaforma.

Non male, vero?
In questo modo, non devi più ricordarti ogni volta di pubblicare i post.

IFTTT spacca se abbinato a Telegram

Anche l’accoppiata tra IFTTT e Telegram bot è vincente.

Con questo servizio puoi creare un bot che ti consenta di condividere un prodotto su una specifica chat quando lo inserisci nella lista desideri di Amazon ad esempio, ma molto altro ancora.

Fino ad adesso ho realizzato decine di scorciatoie di questo tipo, e devo dirti che mi ci trovo estremamente bene.

Eh, ma come si usa? Il tutorial su IFTTT

E finalmente, eccoci alla parte più interessante: come si usa IFTTT?

Non puoi immaginare quanto mi renda felice spiegartelo: è più facile esprimere come funziona la piattaforma che le mille maniere in cui mi ha aiutato da quando l’ho conosciuta.

Innanzitutto, per entrare nel mondo di questo servizio non puoi non sapere che le scorciatoie utili per automatizzare alcuni processi vengono chiamate IFTTT applet.
Segnato bene a mente?
Bene, adesso in questo tutorial ti spiegherò come realizzarli.

Prima di tutto, per usare il servizio è necessario scaricare l’applicazione sullo smartphone, ovviamente disponibile sia per iOS che per Android.
Se per qualche ragione non vuoi usare il tuo telefono o hai un sistema operativo differente, puoi sempre accedere alla piattaforma online, che ha le stesse funzionalità.

Il mio parere personale è che l’app IFTTT sia più intuitiva e immediata rispetto alla piattaforma online, ma in entrambi i casi è possibile creare un applet in pochi minuti.

Ma, venendo “alla ciccia”, ti riporto in maniera schematica gli step da seguire (così facile che la creazione di un applet sarà come far schioccare le dita):

  1. visita il sito web o scarica l’app e accedi con un profilo.
    Puoi effettuare un’iscrizione creando un nuovo utente e una nuova password. Però se la cosa ti porta via tempo ed energie nell’ideazione di una nuova password, hai la possibilità di accedere in due click con il tuo profilo Facebook o Google. Semplice semplice.

  2. cerca la voce “My applets” e cliccaci su.
    A seconda della versione e del dispositivo che usi, potrebbe trovarsi in una parte differente della schermata, ma è comunque facilmente visibile.

  3. clicca sul pulsante “+”.

  4. adesso dovresti trovarti di fronte a una schermata che riporta la scritta “if this then that”. A questo punto, questo tutorial potrà sembrarti addirittura superfluo perché sono sicuro che avrai già capito come funzioni. In corrispondenza di “this” si può selezionare la condizione, mentre “that” indica l’azione da eseguire quando la condizione è verificata. Impieghi meno tempo che a bere un succo d’arancia.

In prossimità dei vari “this” e “that” troverai una serie di servizi a disposizione, una lista molto lunga; pensa che neanche io ho mai avuto il tempo di osservare con cura la lista completa.
Quando selezioni uno di questi, comunque, hai la possibilità di scegliere tra varie opzioni, in modo da creare un applet accurato e preciso.

I mille e uno vantaggi degli applets IFTTT

L’aspetto più bello dell’applicazione è che puoi creare tutte le applets che desideri, e attivarle o disattivarle all’occorrenza.
La tecnologia, letteralmente, al tuo servizio.

Facciamo un esempio.

Diciamo che ho aperto una pagina che tratta di funnel marketing su Instagram, ho creato un applet grazie al quale ogni volta che pubblico sul mio account un contenuto con uno specifico hashtag, questo viene immediatamente condiviso in una chat di gruppo su Telegram.
È una funzionalità che mi è estremamente utile, perché aggiorna istantaneamente gli utenti interessati della presenza di un nuovo post a loro dedicato.
E ho addirittura la possibilità di creare più di un applet IFTTT come questo, ognuno con uno specifico hashtag collegato a un particolare gruppo.

Oltretutto, non so se riesci a immaginarlo, ma è possibile anche creare multiple actions con IFTTT.

Sebbene con una singola applet sia possibile correlare tra loro solo due azioni, il “that” di una può diventare il “this” di un’altra, in modo da innescare una vera e propria reazione a catena. Del tutto automatizzata.
La puoi attivare o arrestare ogni qual volta lo desideri.
Se non ti è ancora chiaro… chiamiamolo l’effetto domino che salverà il tuo tempo libero, e la tua vita tecnologica.

Sharing is caring, corretto? Bene, IFTTT è anche condivisione.

Non tutti possono o hanno voglia di creare i propri applet: si tratta di un processo che richiede idee, un po’ di tempo e un pizzico di pazienza.
Per fortuna, esiste un catalogo di applets IFTTT, pubblicati da tutti gli altri utenti.

Basta selezionare la voce “discover” nell’app per scoprire tutti gli applets rilasciati da altre persone proprio come me e te, che avevano una particolare esigenza e hanno usato questa piattaforma per risolverla.

Com’è ovvio anche tu puoi diventare parte attiva in questo circolo di condivisione, offrendo a tutti gli altri milioni di users la possibilità di accedere ai tuoi personalissimi applets.

IFTTT webhook: scoprilo

L’ultima cosa di cui voglio parlarti in questo tutorial in italiano per IFTTT è webhook.
IFTTT webhook è un servizio che ti permette di collegare una condizione a un’azione che avviene sul web.

Sembra difficile da spiegare, ma attivando questo servizio nella piattaforma potrai creare delle applet esclusive per te (poiché non condivisibili) e sicuramente utilissime, poiché non limitate dalla presenza di una specifica piattaforma supportata.

My two cents: parola di Automatiker

Come hai potuto vedere, IFTTT è utilissimo sia in ambito personale che in qualunque contesto lavorativo, soprattutto se ha a che fare con il mondo del web.

Le potenzialità del servizio sono illimitate: con questa piattaforma totalmente gratuita per gli utenti e basata sulla condivisione è possibile rispondere a qualunque esigenza.

E non posso fare a meno di sottolineare che mi sta aiutando moltissimo nella mia strategia social che sto adottando su LinkedIn, spero perciò che possa semplificare anche il tuo lavoro.

Vuoi saperne di più?
Abbiamo giusto realizzato un corso focalizzato 100% su Linkedin, il social network professionale più celebre al mondo!

Ti dirò di più: se potessi, andrei direttamente di persona a ringraziare Linden Tibbets, Jesse Tane e Alexander Tibbets, ovvero le menti che hanno ideato questo servizio.
Sono tra coloro che mi hanno reso un Automatiker, una persona che ha raggiunto un perfetto equilibrio tra vita privata e vita lavorativa.

Che, dopotutto, è quello che vuoi anche tu, no?

TI SENTI SCHIAVO DEL WEB? 😰

Infinito: il numero degli strumenti che esiste.
Uno: il catalogo di quelli che davvero ti servono, il nostro. 

.

Ti è piaciuto? Sharing is caring

Condividi su linkedin
Condividi su LinkedIn
Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su WhatsApp

Ti può interessare anche...

Marketing per Vendere
Francesco Trocchia

Imparare a delegare per vivere molto meglio!

Sapere quando e come delegare il lavoro ridurrà il carico di lavoro di ognuno, poiché creerà un processo più efficiente ed ottimizzato. Noi di AutomatiKing crediamo in un modo di lavorare che renda tutti più felici!

Leggi »

UNISCITI ALLA COMMUNITY!

Attraverso la nostra newsletter, ogni mese centinaia di automatikers stanno imparando GRATIS a vendere di più senza stress. Che dici, ti unisci a loro?