Cos’è Hotjar? Scopri come installarlo e come usare le sue funzionalità!

Ti interessa conoscere come si comportano gli utenti che arrivano sul tuo sito web? Eccerto, a chi non interesserebbe! Allora è il momento di scoprire cos’è Hotjar, magnifico tool di visual analytics. Leggi l’articolo!
👉 Chiara Scanavino

Cos’è Hotjar? Scopri come installarlo e come usare le sue funzionalità!

Ti interessa conoscere come si comportano gli utenti che arrivano sul tuo sito web? Eccerto, a chi non interesserebbe! Allora è il momento di scoprire cos’è Hotjar, magnifico tool di visual analytics. Leggi l’articolo!
👉 Chiara Scanavino

Hotjar è un… barattolo bollente! Fai attenzione che ti scotti se lo prendi in mano… 😆
Scherzo. Anche se non troppo. Perché vedi, caro o cara Automatiker, quello è solo il significato letterale della parola Hotjar.

Comunque, al di là degli scherzi da linguista (che in ogni caso possono aiutarci a capire meglio cos’è Hotjar e cosa fa), posso dirti che Hotjar è uno strumento professionale che serve – tra le altre cose – per monitorare il comportamento degli utenti su un sito web e per realizzare delle mappe di calore. Non è quindi un caso se i suoi inventori, nel 2014, hanno deciso di chiamare così questo strumento. Ed è molto utile averlo per correggere il tiro di una strategia di marketing.

Cosa, Chiara?! Mi stai dicendo che con Hotjar puoi spiare i tuoi utenti?!
Beh, forse usare la parola “spiare” non è la cosa più giusta.
Perché vedere come gli utenti si comportano sul tuo sito web serve per migliorare l’esperienza utente (user experience), risolvendo eventualmente i malfunzionamenti che possono sempre capitare.

Ci tengo però qui a precisare bene una cosa.

Sarebbe, Chiara?
Che se utilizzi Hotjar devi farlo in modo etico. Altrimenti diventa davvero uno spionaggio. E la cosa non va bene.
Quindi devi avvertire nella tua Privacy Policy che utilizzi Hotjar. E devi dare la possibilità all’utente di disattivarlo, se non vuole essere tracciato. Altrimenti diventa illegale.

Ma come faccio a far disattivare all’utente Hotjar?
Basta che installi sul tuo sito web un consent tool, come per esempio Usercentrics.
Ma adesso non perdiamoci in queste cose, che vanno un po’ oltre al seminato.

E quali sono le funzionalità di Hotjar?
Te lo spiego nel prossimo paragrafo. Continua a leggere, caro o cara Automatiker.

Le funzionalità di Hotjar

Ok, Chiara. Mi spiegheresti cosa posso fare con Hotjar?
Si, certo. Prima però lasciami spiegare come creare un account su Hotjar. Perché è sicuramente meglio se tu stesso o tu stessa entrassi nell’area privata di Hotjar per iniziare a prendere confidenza con la Business Suite di questo strumento.

Si, ma poi devo pagare…
Beh, allora inizia a cercare “Hotjar” nella barra di ricerca di Google. E poi clicca sul pulsante “Get started Free”. 

Ok. Ma davvero non devo pagare nulla?
Facciamo due ragionamenti: Automatiking ha l’obiettivo di aiutare gli imprenditori. Quindi se stai leggendo questo mio articolo so per certo che sei un imprenditore o una imprenditrice. E quindi, detto questo, dovresti sapere che per fatturare occorre investire nel tuo business.

Si, ma io non navigo nell’oro!
Nessuno dice questo. Dico solo che prima o poi, se vuoi continuare a utilizzare le funzionalità di Hotjar devi fare l’abbonamento.

E quanto costa l’abbonamento?
Non ti preoccupare… Su Hotjar puoi iniziare gratuitamente, senza nemmeno dover aggiungere la carta di credito. È per questo che ti ho detto di iniziare a creare un account su Hotjar per iniziare a prendere confidenza con questo strumento…

Ma è un trial la prova gratuita?
No. Hotjar è uno strumento freemium. Quindi potrai utilizzare gratuitamente Hotjar sul tuo sito, anche se con alcune limitazioni, fino a quando non avrai raggiunto 35 registrazioni giornaliere oppure 20 risposte ai sondaggi.

35 registrazioni? E di quali sondaggi stai parlando, Chiara?
Beh, allora, lascia che ti spieghi, caro o cara Automatiker: nella business suite di Hotjar trovi diversi strumenti. Ci sono le mappe di calore. Ci sono le videoregistrazioni degli utenti. E c’è la possibilità di creare dei sondaggi per l’utente.
Le mappe di calore sono illimitate. Mentre invece le videoregistrazioni e i sondaggi no.

Chiara, ma che cos’è una mappa di calore?
Una mappa di calore è uno strumento che ti permette di capire quali sono le parti più viste o più cliccate all’interno di un sito web attraverso l’analisi del movimento del mouse. Quindi questo ti permette di sapere cosa devi migliorare all’interno di una landing page.

Chiara, ma io non so proprio nulla… E mi stai mandando in pallone… Che cos’è una landing page?
Beh, mi spiace se ti sto mandando in pallone, non era mia intenzione. Ma posso dirti che, se vuoi approfondire il tema delle landing page, guarda il video di seguito che trovi sul canale YouTube di AutomatiKing. È davvero molto utile!

Dicevamo…

Chiara, ma quali sono le parti più viste all’interno di una landing page? E come faccio a riconoscerle?
Beh, la parte più vista in assoluto è l’above the fold. Intendo la parte superiore della tua landing page una volta che questa si è caricata. Per questo, solitamente, se fai una mappa di calore, la parte più in alto è colorata di rosso acceso. È in assoluto la parte più vista.

Ok. Ma mi metti un esempio concreto? In fondo l’articolo si intitola “Che cos’è Hotjar? Te lo spiego con 3 esempi pratici”. Quindi se non metti esempi la prossima volta non torno più. Sarebbe un titolo clickbaiting.

Hai ragione, ti accontento subito. Ecco qui un esempio di una mappa di calore.

mappa di calore hotjar esempio

Questa è un classico esempio mappa di calore di una pagina web su cui è installato Hotjar.
Ma, per dirti, anch’io uso Hotjar sul mio sito web.

Chiara, ma di che cosa parli nel tuo sito web?
Aiuto i genitori italiani a insegnare l’educazione digitale ai propri figli.

E sarebbe? 
Beh, vieni a leggerlo al seguente link: https://www.chiarascanavino.it/educazione-digitale.

Ma perché proprio l’educazione digitale, Chiara?
Perché ho un figlio piccolo. Al momento è ancora davvero molto piccolo. E il problema non si pone, anche se comunque dimostra già di avere un grande interesse per la tecnologia.

Però vedi, caro o cara Automatiker… Io sono sempre stata abituata a pensare a lungo termine. E so benissimo che tra qualche anno, quando inizierà ad andare a scuola, ci saranno da affrontare nuove sfide, come per esempio quella del cyberbullismo.
E, siccome è praticamente dal 2014, quando sono mi sono trasferita definitivamente in Germania, che lavoro nel marketing, ho deciso di documentare quello che è a tutti gli effetti il mio lavoro. Nella speranza che possa essere di aiuto per qualcuno.

Chiara, ho visitato il tuo sito web e ho visto che ci sono tanti articoli di marketing. Che cosa c’entra tutto ciò con l’educazione digitale?
C’entra eccome, Automatiker. Perché per come la vedo io l’educazione digitale è un misto tra informatica, psicologia e marketing. E al momento mi sto concentrando sulla parte di marketing. È quella che conosco meglio. Per il resto devo ancora informarmi bene.

Come sarebbe a dire che devi ancora informarti bene?
Beh, vedi… io non sono tuttologa. E sto cambiando completamente settore…

Ma non hai appena detto che lavori nel marketing da 8 anni?
Appunto, Automatiker. Ma prima io ero un’insegnante di tedesco online.

E poi che cosa è successo?
Nulla. Solo che ho deciso di non fare più l’insegnante. Non ne vale la pena. Ma questo è un altro discorso che non c’entra nulla con questo articolo…

Va bene. Ma non puoi commentare qui una mappa di calore?
Lo farei volentieri. Ma purtroppo c’è un piccolo problema. Attualmente non ho ancora sufficienti dati per avere una mia mappa di calore.

Come mai?
Perché vedi… Cambiando completamente settore, ho dovuto riaggiornare anche il mio blog. E ciò ha avuto un impatto anche su Hotjar. Le pagine che monitoravo con Hotjar non ci sono più. Ho dovuto toglierle. E quindi ora devo raccogliere di nuovo sufficienti dati affinché possa vedere una mappa di calore con dati affidabili.

Ok. Ma dove le trovo le mie mappe di calore in Hotjar?
Prima di rispondere a questa domanda, veramente, occorrerebbe spiegare come installare Hotjar sul tuo sito web. Perché altrimenti non vedi nulla. Comunque, visto che qui stiamo facendo una panoramica delle funzionalità di Hotjar, ecco qui la risposta.

Quando entri nel tuo account di Hotjar devi innanzitutto scegliere il tuo foglio di lavoro, Worksheet. Poi, una volta che sei dentro il tuo worksheet, sulla barra laterale a sinistra trovi una serie di icone. Per le mappe di calore, il simbolo su cui cliccare è quello che ti mostro di seguito:

Mentre invece, per le videoregistrazioni degli utenti il simbolo su cui cliccare è questo:

Capisco. Comunque… Parlavamo di esempi. Quindi perché non mi metti anche un esempio di videoregistrazione dell’utente?

Eccotela di seguito, Automatiker! Ecco uno spezzone di una videoregistrazione dell’utente fatta con Hotjar:

Ok, grazie. Tu però nel titolo hai promesso tre esempi, Chiara. E io ne vedo solamente due…
È vero, per ora ci sono solo due esempi. Però vedi, non abbiamo ancora visto una funzione di Hotjar. Ovvero la possibilità di fare dei sondaggi con gli utenti.

Come la inserisco sul mio sito web?
Come già dicevo più sopra, prima hai bisogno di sapere come implementare Hotjar sul tuo sito web. Perché altrimenti non puoi ricevere nessun feedback e sondaggi.

Ok, Chiara. Ma perché non rispondi finalmente alla domanda “come implementare Hotjar sul tuo sito web?” E ancora non hai risposto alla mia domanda, quando ti ho chiesto quanto costa l’abbonamento di Hotjar.
Hai ragione. Però vedi, entrambi siamo dei venditori. E io so benissimo che prima quando mi hai chiesto il prezzo dell’abbonamento di Hotjar mi avresti risposto che costa troppo. E questo senza che tu avessi informazioni di nessun tipo.

Come fai a saperlo?
Esperienza personale. Ho provato anch’io a vendere a prezzo alto. E conosco bene i miei interlocutori.

Va bene. Ma stiamo parlando di un altro target.
Hai ragione, Automatiker. Però è una cosa che ogni venditore conosce: se rispondi subito alle domande sul prezzo, poi la gente inizia a trovare una marea di scuse. E la vendita sfuma.

Chiara!! Tu vuoi solo vendere. E a me non piace che qualcuno mi venda qualcosa!
Lo capisco. Ma come chiunque anch’io lavoro per vivere. Perdonami la schiettezza. Ci tengo alla trasparenza.
Ma adesso torniamo a noi. Stavamo parlando delle funzioni di Hotjar. E volevamo parlare dei sondaggi di Hotjar.

Ok. Come si realizzano?
Innanzitutto, dal tuo worksheet di Hotjar, clicchi su questo simbolo qui sotto:

Poi crei il tuo widget per il feedback seguendo tutte le istruzioni di Hotjar. E poi lo attivi, in modo tale che sia visibile ai tuoi utenti.

Ma un esempio concreto no, Chiara?
Eccolo qui:

Questo è l’esempio di come Hotjar stesso utilizza il suo widget per i sondaggi degli utenti.

E tu cosa ne pensi?
È una buona idea. Ma occorrono davvero tanti utenti, prima che qualcuno si convinca a darti un feedback. Lo dico per esperienza personale. Io l’avevo inserito sul mio sito web. Ma nessuno ha mai risposto.
Probabilmente perché solitamente lo si posiziona a lato dello schermo e ha un aspetto molto discreto. Quindi anche se è realizzato con colori molto accesi, come per esempio il rosso, passa inosservato.

Chiara, ma non credi che sia proprio il colore rosso che allontana la gente?
Si, certo. Può anche essere. Il rosso è il colore della passione, ma anche quello del pericolo. Quindi ci sta che qualcuno percepisca quel pulsante rosso come un pericolo. Sta però di fatto che se hai pochi utenti, alla fin fine il feedback che ottieni non è particolarmente affidabile.

Capisco. Grazie mille delle spiegazioni.
Prego. Ci sono ancora domande, Automatiker?!

No. Finora è tutto chiaro.
Bene. Allora fammi un breve riassunto di quello che abbiamo detto finora.

Chiara! Non siamo a scuola…
Che vuoi farci, sono pur sempre un’insegnante. Anche se non faccio più l’insegnante.

Chiara, ma non è un controsenso quello che stai dicendo?
No, assolutamente. Perché?

Come si fa a dire “sono un’insegnante, ma non faccio l’insegnante”?
Semplice. Quello dell’insegnante NON è un lavoro. È un modo di essere. Puoi essere anche tu un insegnante. Anche se di lavoro NON fai l’insegnante. Comunque, ora facciamo questo benedetto riassunto…

Bene. Allora… In Hotjar ci sono diverse funzionalità. Le più interessanti sono però tre. Ovvero: la possibilità di videoregistrare gli utenti, le mappe di calore e i sondaggi con gli utenti. Le mappe di calore sono disponibili gratuitamente in modo illimitato, indipendentemente dal piano scelto. Mentre invece le videoregistrazioni e i sondaggi sono disponibili gratuitamente con delle limitazioni.

Esatto, ottimo lavoro!
Passiamo ora al prossimo paragrafo.

E di cosa parliamo?
Del prezzo.

Quanto costa Hotjar?

Rispondiamo ora alla domanda che mi hai posto all’inizio di questo articolo, ovvero:

Quanto costa l’abbonamento ad Hotjar?
Dipende.

E da che cosa, Chiara?
Dal piano che scegli.

L’abbiamo detto anche all’inizio del paragrafo intitolato “Le funzionalità di Hotjar”: puoi iniziare a usare questo strumento anche gratuitamente. E questa, soprattutto se sei all’inizio del tuo business e hai un budget limitato, è una buona notizia.
Poi, però, come dicevo più sopra, quando inizi ad avere tanto traffico sul tuo sito web ti conviene di più fare l’abbonamento.

Si, ma come faccio a scegliere l’abbonamento che va meglio per me?
Quello dipende da quelle che sono le tue esigenze.

Ma se è tutto in inglese, io non ci capisco nulla.
Beh, allora hai un bel problema. Perché vedi… l’inglese è la lingua più parlata al mondo. Lo sanno anche i muri. Quindi se vuoi lavorare nel digital marketing e non sai l’inglese, sei proprio messo male.
In ogni caso, tranquillizzati Automatiker. Perché se vuoi posso darti una mano. Ok?

Va bene, Chiara. Grazie mille del tuo aiuto.
Non c’è di ché. Mi fa piacere se posso aiutare qualcuno. Ora però andiamo avanti. E concludiamo questo articolo su Hotjar.

Anzi, no. Aspetta un attimo. Stavo dimenticando una cosa importante… Se decidi di passare al piano a pagamento, con Hotjar puoi anche crearti il tuo pacchetto personalizzato. Quindi se ti servono solo le registrazioni delle sessioni, puoi anche fare in modo di aumentare solo quel servizio lì, lasciando il resto invariato.

Ah, buono. Almeno non ci sono sprechi.
Esatto. Ma ora andiamo avanti.

Oh… Finalmente arriviamo alla parte più interessante.
E io che pensavo che la parte più interessante fosse quella sul prezzo.

Ti sbagli, Chiara. Vedi… io da imprenditore ho più bisogno di avere un problema risolto che non di sapere quanto costa uno strumento. Sono perfettamente abituato all’idea che i servizi si pagano.

Bene. Sono contenta di essermi bellamente sbagliata. Perché vedi, nella mia vita lavorativa ho fatto anche diverse brutte esperienze. Ho visto tantissime persone venire da me solo per quello che so. Poi però se cercavo di farmi pagare, tantissimi si tiravano indietro. Le persone che vogliono investire in formazione sono proprio poche. Ma lasciamo stare. È inutile rimuginare sul passato.

Già. Hai ragione, Chiara. Quindi di cosa parliamo nel prossimo paragrafo?
Scrolla verso il basso per scoprirlo.

Come implementare Hotjar sul proprio sito web?

L’abbiamo detto nel paragrafo in cui abbiamo presentato le funzionalità di Hotjar: senza implementare il codice di Hotjar sul tuo sito web, non potrai tracciare assolutamente nulla.

Si. Ma come faccio a implementare Hotjar sul mio sito web?
Beh, allora… Lascia che te lo dica onestamente. Se non hai un minimo di esperienza per quanto riguarda lo sviluppo di siti web, inserire il codice di Hotjar sul proprio sito web potrebbe essere un po’ complicato.

Allora mollo. Ci rinuncio.
Per così poco, Automatiker?

Non mi piacciono le cose complicate, Chiara.
E tu metti da parte un po’ di pregiudizi, per favore. Perché è vero. Se sei una tabula rasa per quanto riguarda lo sviluppo dei siti web, è una cosa che potrebbe richiedere un po’ di fatica. Però una volta che l’hai implementato potrai essere contento di essere riuscito a farcela. Se impari a inserire Hotjar sul tuo sito web, poi sei in grado di implementare tutti i tool di automazione che preferisci.

Davvero? Beh, allora vale la pena che stia ben attento e segua tutti i tuoi passi, Chiara.
Esatto. Partiamo!

  1. Entra nel tuo account di Hotjar;

  2. In alto a destra, aggiungi il tuo sito e compila le informazioni richieste da Hotjar;

  3. Quando arrivi nella schermata riassuntiva, clicca su “Install Tracking Code”;

  4. Copia il codice di tracciamento e inseriscilo nella sezione “head” del tuo sito web;

  5. Una volta che hai salvato le modifiche sul tuo sito web, torna in Hotjar e clicca su “Verify installation”. Se tutto è andato a buon fine, vedrai che Hotjar inizierà a raccogliere i dati del tuo sito web.

È tutto chiaro, Automatiker?

Si, forse… non lo so.
Che cosa non è chiaro?

Dove trovo la sezione “head” del mio sito web?
Devi andare nel codice del tuo sito web.

Ma devo proprio?
Si, se fai così come ti ho descritto, sì.

Ma… un metodo un po’ più facile?!
Ce n’è uno un pelo più difficile, che è farlo con Google Tag Manager. Ma dipende dalla piattaforma che utilizzi sul tuo sito web: se come me utilizzi WordPress, puoi installare facilmente un plugin.

E perché non me lo dici prima? Mi fai prendere uno spavento per nulla.
Sono l’ufficio complicazione affari semplici. 😆 E poi comunque non vedo i plugin molto di buon occhio.

Come mai?
È un problema di performance e di sicurezza del tuo sito web. Ma di questo ne parliamo un’altra volta. Sia chiaro. Sempre se vorrai ancora seguirmi. Non obbligo nessuno.

Buona giornata
Chiara Scanavino

Aspetta, Chiara… Ho ancora bisogno del tuo aiuto.
Che cosa vuoi?

Ho installato Elementor sul mio sito web. Come faccio a installare Hotjar sul mio sito web?
Vai nelle impostazioni di Elementor > “Custom Code” > aggiungi nuovo. Lì incolli il codice di Hotjar e gli dici che lo vuoi inserito nella sezione “head”. Poi clicchi su “pubblica” e – nelle condizioni di visualizzazione – gli dai “tutto il sito”. In questo modo avrai il codice di Hotjar inserito in tutte le pagine del tuo sito web.

Ah, capisco. E se ho Avada / Generate Press / …?
Guarda le impostazioni del tuo tema WordPress.

E se io volessi installare un plugin per inserire Hotjar?
Segui le istruzioni di Hotjar stesso. Perché è lui stesso che ti dice come fare.

Ah, ok. Bene. Allora mi metto al lavoro. Buona giornata, Chiara. E grazie del tuo aiuto.
Prego. Mi ha fatto molto piacere poterti aiutare. Buona giornata.

 

🚀 VUOI METTERE IL TURBO AL TUO SITO IN WORDPRESS?

Sfrutta il potere delle automazioni segrete!

Ti è piaciuto? Sharing is caring

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TI PUÒ INTERESSARE ANCHE...​

CERCA NEL SITO

Fai una ricerca interna al sito e trova le automazioni che cerchi.

(inserisci il testo e premi Invio)

I MIGLIORI TOOL
DI AUTOMAZIONE

Iscriviti alla nostra newsletter GRATUITA per ricevere comodamente ogni settimana 3 strumenti di automazione e mettere il pilota automatico al tuo business!