Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Tempo di lettura: 5 minuti

LinkedHelper: lo strumento più economico per automatizzare LinkedIn

LinkedHelper è uno strumento davvero utile e ti permette di risparmiare una marea di tempo mentre il tuo Network LinkedIn cresce in maniera rapida e strategica.
Tempo di lettura: 5 minuti

LinkedHelper: lo strumento più economico per automatizzare LinkedIn

LinkedHelper è uno strumento davvero utile e ti permette di risparmiare una marea di tempo mentre il tuo Network LinkedIn cresce in maniera rapida e strategica.

Hola Automatiker!!

Oggi voglio parlarti di uno strumento che può esserti davvero utile se utilizzi Linkedin come canale di comunicazione, di marketing e di vendita.

Quando si parla di ottenere più visibilità, generare potenziali clienti e migliorare le proprie metriche su LinkedIn, infatti, NON si può fare a meno di parlare di strumenti di automazione e di citare il ben noto LinkedHelper.

Questo tool oggi vanta tantissimi clienti in tutto il globo perché è di facile utilizzo, economico e consente di raggiungere risultati davvero notevoli in pochissimi giorni.

Attenzione però, non sono tutte rose e fiori mio/a caro/a Automatiker. Questo strumento nasconde anche qualche rischio. Ora ti racconto tutto: cos’è, come utilizzarlo, vantaggi e pericoli. 

Seguimi in questa avventura alla scoperta di LinkedHelper.
Cominciamo! 

👉 GRATIS OGNI SETTIMANA
3 STRUMENTI DI AUTOMAZIONE

Attraverso la nostra newsletter, più di 5.000 #automatikers stanno scoprendo il lato automatico del business e della vita. Che dici, ti unisci a noi? ❤️

Cos’è LinkedHelper?

Immagino che se utilizzi LinkedIn ti sia un po’ venuta l’acquolina in bocca e voglia sapere esattamente cos’è LinkedHelper. Mi piace la tua curiosità e la tua voglia d’imparare, due caratteristiche fondamentali di noi Automatikers.

LinkedHelper serve per automatizzare LinkedIn e le sue funzioni, ma anche per aggiungere alcune funzioni che LinkedIn non ha e che possono rivelarsi davvero utili (e pericolose!)

La prima versione di LinkedHelper era un’estensione di Chrome, da installare e attivare nel proprio browser. A partire da Novembre 2020 con il rilascio della versione 2, quella attualmente in uso, si è passati a un vero e proprio programma che deve essere scaricato nel computer (Windows, MacOS o Ubuntu).

La nuova versione è praticamente una sorta di CRM per Linkedin che ti permette di automatizzare NON solo i messaggi di Linkedin, ma anche interi processi.

Ci tengo a dirti fin da subito che le automazioni NON sono permesse da Linkedin, anche se i bot che le eseguono sembrano essere legali se non ne alterano le funzioni (fonte BBC). Insomma, nel dubbio è importante usare questo tipo di tool nel modo giusto. Vediamo insieme come!

Cosa fa LinkedHelper?

LinkedHelper, se ben utilizzato, può davvero farti risparmiare tantissimo tempo. È una sorta di assistente per il tuo Linkedin.

Per esempio, LinkedHelper può invitare in automatico le persone a connettersi alla tua Rete LinkedIn e ti evita di farlo tu da solo, manualmente. Ti permette anche di confermare le abilità dei tuoi collegamenti, mettere like o commentare post e articoli, inviare messaggi o sequenze di messaggi ai tuoi contatti e altre figate simili.

Il tool in questione, insomma, pone ottimi presupposti per la tua crescita progressiva e automatica sul Social Network più business del momento. Grazie a questo tool potrai finalmente liberarti, nel vero senso della parola, della costante necessità di essere connesso a LinkedIn, in quanto ogni cosa verrà svolta al tuo posto dal programma. 

Per esempio, il tool invierà un messaggio ai possibili nuovi contatti o auto-risponderà a coloro che ti contattano mentre non hai il computer o lo smartphone a portata di mano. A questo si aggiunge anche l’auto-messaggio generato per invitare le persone ad accedere a un gruppo.

Queste, però, sono solo alcune funzionalità tra quelle disponibili in LinkedHelper, perché questo software include davvero una vasta gamma di possibilità. Di anno in anno, poi, il tool viene ulteriormente implementato con delle opzioni sempre nuove, che offrono a tutti gli interessati la possibilità di accedere a un vasto assortimento di funzionalità. 

Per questo se si parla di LinkedIn e di come crescere su questa piattaforma in termini di vendite, beh è pressoché impossibile non ricordarsi di LinkedHelper. 

Tuttavia, per massimizzare le sue possibilità e sfruttare al meglio questo tipo di programma, bisogna utilizzarlo con intelligenza e cautela. Questo per evitare i soliti problemi di tutti quegli utenti che iniziano a usare un simile strumento in una maniera assolutamente scorretta, poco etica e commercialmente troppo aggressiva.

Ma partiamo prima dal mettere mano al portafogli.

VUOI VENDERE DI PIÙ SENZA STRESS?

Seguici su YouTube!

Quanto costa LinkedHelper?

Quando inizi a usare LinkedHelper puoi usufruire di un periodo gratuito di 14 giorni. 
Si tratta del solito periodo di prova grazie al quale puoi valutare tutte le caratteristiche fondamentali del programma in questione e solo in seguito decidere se acquistare il software oppure no. 

Qualora decidessi di continuare a utilizzarlo, sappi che dovrai sottoscrivere un abbonamento il cui prezzo varia a seconda delle tue necessità e dal tempo di utilizzo.

Considerando, però, tutti i vantaggi offerti da questo tipo di programma, si tratta di un costo assolutamente moderato. Dai un’occhiata ai prezzi e valuta autonomamente se fa per te.

Usare LinkedHelper? Ecco come!

I modi per utilizzare LinkedHelper sono numerosissimi e tutti molto semplici. 

Difatti, nel corso del tempo l’utilizzo di questo programma è stato ulteriormente semplificato e ora si addice bene anche a tutti coloro che sono “poco smanettoni”. Tra le varie funzionalità offerte, per esempio, puoi pensare alla possibilità di espandere il tuo network LinkedIn inviando automaticamente delle proposte di connessione. 

Ma occhio! LinkedIn ha una serie di limitazioni rispetto al numero dei contatti che si possono associare al profilo e a quante connessioni puoi richiedere su base giornaliera, ad esempio. 

E come si fa ad inviare richieste di connessione in automatico?
È molto semplice e veloce: tutto ciò che serve è scritto qui sotto. 

Innanzitutto bisogna aprire la pagina di LinkedIn, scegliere il campo Connessioni (impostando al 2° o 3°), selezionare l’opzione “Colleziona, Seleziona e Invita i secondi contatti” dal menù che compare dopo il click. Infine, ti basta fare click su “Scegli i contatti da invitare”. 

Tutto ciò che ti resta da fare è semplicemente creare il messaggio predefinito d’invito selezionando i tag dinamici come il Nome, il Cognome, la Compagnia, la Posizione e così via.
Dopodiché la magia: fai click su “Invia gli inviti ai profili” e taaaac, richieste di connessione automatiche inviate! 

Un modo per bypassare i limiti imposti da Linkedin rispetto al numero di connessioni giornaliere autorizzate, consiste nell’invitare le persone a connettersi tramite email.

Ecco perché può essere particolarmente comodo il sistema di auto-invio delle mail ai tuoi partner d’affari.
Per impostare questo sistema al meglio delle sue possibilità e usarne tutte le funzionalità, apri LinkedIn alla pagina di ricerca e imposta i tuoi filtri avanzati. 

All’opzione Relazione imposta la prima connessione. Quindi imposta i filtri in maniera manuale secondo le tue preferenze e clicca su “Raccogli i destinatari dei messaggi”. Prima di spedire le mail ai destinatari controlla che gli indirizzi siano giusti. 

Anche in questo caso puoi creare un messaggio automatico configurando i tag (esempio: il nome e il cognome) per fare in modo che il tool sostituisca questi campi con il nome e il cognome del destinatario in ogni messaggio inviato. 
Anche in questo caso ti basterà fare click su “Inizia l’invio dei messaggi” ed è fatta: il sistema farà tutto in automatico per te. 

Dalla nostra esperienza si evince che si tratta di una delle funzionalità più interessanti di questo programma, ma anche una di quelle che viola in modo più palese le politiche di Linkedin. Quindi valuta bene se usarla o meno.

Un’altra funzionalità che ti può essere particolarmente utile, se vuoi sfruttare al massimo tutte le potenzialità del programma, è quella del “risponditore automatico”. Questa opzione invia un messaggio automatico a tutte le nuove connessioni. 

Impostarlo è facilissimo: devi solo andare su “Le mie connessioni (una pagina che trovi su LinkedIn) e raccogliere tutte le tue prime connessioni. 

Quindi devi spostarle nella sottolista degli esclusi e spostarle nuovamente sulla pagina principale in modo da poter successivamente creare il messaggio di risposta automatica a tutti gli interessati. 

Anche in questo caso, ti basterà impostare l’automazione perché faccia lei il resto.

Vantaggi e Svantaggi di LinkedHelper

LinkedHelper è uno strumento veramente utile che ti permette di risparmiare una marea di tempo mentre il tuo Network LinkedIn cresce in maniera rapida e strategica. Inoltre, è uno di quegli strumenti in continua evoluzione e quindi puoi contare sempre su nuove funzionalità aggiornate.

Il principale svantaggio, come ti ho già sottolineato, è che NON piace affatto a Linkedin. Questo perché spesso è utilizzato in maniera scorretta e poco intelligente, a mio modo di vedere.

Cerca di seguire la tua etica e le informazioni che ho condiviso con te in questo articolo. Utilizzalo in modo vantaggioso limitando al massimo i rischi!

Buone Automazioni!

PS: se vuoi scoprire quello che per me è attualmente il MIGLIOR strumento per automatizzare LinkedIn in modo sicuro, ma vuoi anche conoscere quali strategie puoi applicare su LinkedIn per vendere di più senza stress, ti consiglio di dare un’occhio al corso intitolato “LinkedIn Automatico” che la mitica Heidi Iuliano ha pubblicato sulla nostra Biblioteca delle Automazioni.
Lo trovi qui di seguito! ⬇️🎁⬇️

👥 VUOI UTILIZZARE LINKEDIN COME UN VERO CANALE DI VENDITA?

Scopri come generare clienti in automatico grazie a questo social network!

Ti è piaciuto? Sharing is caring

Condividi su linkedin
Condividi su LinkedIn
Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su WhatsApp
Stefano De Carlo

Stefano De Carlo

Imprenditore, formatore e padre ❤️ Il suo chiodo fisso è aiutare gli imprenditori di tutto il mondo (sì, Stefano è un tipo ambizioso) a mettere il pilota automatico al proprio business e vendere senza stress.

TI PUÒ INTERESSARE ANCHE...​

I MIGLIORI TOOL
DI AUTOMAZIONE

Iscriviti alla nostra newsletter GRATUITA per ricevere comodamente ogni settimana 3 strumenti di automazione e mettere il pilota automatico al tuo business!